• Home
  • Manifesto
  • Contatti
  • Chi siamo

La differenza tra cavalcare l’onda e aspettare che ci travolga.

-

A settembre dell’anno scorso il Governo Britannico ha delineato le linee strategiche della politica industriale del paese, articolandole su 4 grandi sfide:

  • intelligenza artificiale e big data;
  • crescita sostenibile;
  • mobilità;
  • invecchiamento della società.

Vediamo cosa dice su questo ultimo punto il documento ufficiale del Governo Britannico, che non è come l’Italia il paese più vecchio al mondo con il Giappone e che a fine 2019 aveva ben altre urgenze…

Mission: useremo l’innovazione per aiutare a soddisfare le esigenze di una popolazione sempre più anziana.

Viviamo vite più lunghe grazie ai progressi della medicina, a stili di vita più sani e a luoghi di lavoro più sicuri. Una bimba che nasce oggi in Inghilterra ha 1 probabilità su 3 di vivere 100 anni. E la probabilità di una vita centenaria raddoppierà nei prossimi 50 anni.

E’ ora di ripensare radicalmente al contributo che diamo, in ogni fase della vita, a famiglie e società e a come cambia il modo in cui ci relazioniamo a temi vitali come il lavoro, il denaro, la salute, la cura e la residenzialità.

Questa missione ha lo scopo di garantire alla popolazione inglese, entro il 2035, almeno 5 anni in più di vita in salute e autonomia e allo stesso tempo di ridurre la distanza in termini di qualità dell’invecchiamento tra ricchi e poveri.

Se avremo successo aiuteremo la gente a restare indipendente più a lungo, a prolungare il proprio contributo sociale, sia in termini economici che comunitari, e a combattendo la piaga della solitudine.

In particolare il piano intende raggiungere gli obiettivi di:

  • sostenere i lavoratori affinché restino occupati più a lungo;
  • creare mercati di prodotti e servizi che vadano incontro alle necessità (e aspettative, ndr) della popolazione senior;
  • guidare i progressi sanitari e di innovazione nella pubblica assistenza.

Passi fatti

  1. Costituzione di un fondo da 98 milioni di sterline a favore di una strategia industriale per il sostegno dell’invecchiamento attivo;
  2. Insignito Andy Briggs (ex AD di Aviva) del titolo di Business Champion (*) e annunciati piani per individuare le opportunità economiche che sottostanno all’invecchiamento della popolazione;
  3. Lancio di una partnership con il Giappone per lo sviluppo della ricerca nei campi dell’intelligenza artificiale e della robotica per una nuova generazione di prodotti di assistenza domestica;
  4. Lancio del piano “Home of 2030” per lo studio di case in grado di offrire alti standard di comfort a una popolazione sempre più anziana, ma che rispettino allo stesso tempo le linee guida di uno sviluppo sostenibile dal punto di vista ambientale;
  5. Sostegno dell’industria locale di Manchester, nominata dall’Organizzazione mondiale della sanità prima città age-friendly al mondo;
  6. Partecipazione statale nel nuovo Centro di innovazione per l’invecchiamento di Newcastle;
  7. Annunciato investimento di 130 milioni di sterline per lo sviluppo dell’innovazione medico-scientifica, con particolare riguardo al trattamento dei tumori e delle malattie invalidanti.

(*) Il governo inglese ha creato un Consiglio di stato per la longevità, che verrà co-presidiato dal Segretario di Stato per la salute e l’assistenza sociale Matt Hancock e dal primo consigliere civico insignito del titolo di Business Champion, Andy Briggs, esperto del settore assicurativo.

Emanuela Notari
Emanuela Notarihttp://www.activelongevity.eu
RESPONSABILE EDITORIALE E RELAZIONI INTERNAZIONALI Dopo 20 anni di esperienza in pubblicità e comunicazione terminati in posizioni apicali in un’importante agenzia multinazionale statunitense e una successiva parentesi imprenditoriale nell’ospitalità turistica, Emanuela ha ripreso l’antica passione per la scrittura, già espressa più di 30 anni fa in un’attività di pubblicista free lance. Divide ora il suo tempo tra la nascente attività di A.L.I., per la quale cura in particolare le casistiche internazionali di longevity economy e altre collaborazioni editoriali.

Manifesto dei Longennials

Manifesto dei Longennials
Dopo il Corona virus, la ripresa del paese passa dai Longennials, la generazione over 60 che affronta una longevità inedita

Rassegna stampa

Ultimi articoli

Long life learning

E’ nata in Italia una scuola per adulti che non si accontentano del proprio bagaglio culturale,...

Più letti

Ti potrebbe interessare ancheRELATED
Articoli simili