• Home
  • Manifesto
  • Contatti
  • Chi siamo

Né cari anziani né nonnini. Vecchio è una parola piena di dignità

-

Intervista a Nicola Palmarini, Direttore dell’UK National Innovation Centre for Ageing.

A cura di Emanuela Notari

Nicola Palmarini non ama i giri di parole e la prima cosa che mi dice, spiazzandomi un filo, è: “noi siamo vecchi. Proviamo ad evitare di cercare un altro modo di dirlo per non offenderci. Si chiama così, se forse impariamo a dirlo possiamo capirlo.” Non so la sua età ma nessuno dei due è troppo lontano dai 60, collocandosi un po’ prima o un po’ dopo.

Dentro di me qualcosa però si ribella.

Circa due settimane fa quando si era all’inizio dello sviluppo pandemico ed erano stati diramati i primi allarmi alla popolazione over 65, Lella Costa aveva commentato risentita dalle pagine de La Repubblica che non si sentiva affatto fragile per aver superato i 65… Qui si apre la questione. Non è la categoria di età che qualifica la fragilità quanto lo status clinico. Qualche giorno dopo le raccomandazioni sarebbero state corrette e indirizzate agli over 65 con malattie pregresse e agli over 75 in genere. Un fattore più soggettivo che oggettivo per la fascia 65/75 e un fattore più oggettivo che soggettivo per la fascia di età successiva. Purtroppo, ci portiamo dietro le categorie imposte dall’ex età pensionistica e prima che si decida che non si è anziani almeno prima dei 75 ci vorrà tempo. Se la produzione e la comunicazione considerano tutti vecchi oltre i 65, appoggiando la propria pigrizia mentale alle categorie Istat, le persone intorno ai 60 anni non si sentiranno mai rappresentate.

Nicola Palmarini
Nicola Palmarini, Direttore dell’UK National Innovation Centre for Ageing

Nicola Palmarini ha preso le redini del centro britannico per l’innovazione nell’invecchiamento da ottobre 2019 e quindi la pandemia ha sorpreso la sua attività nel bel mezzo della definizione delle nuove linee guida e degli obiettivi futuri.

Rispetto ad altre strutture simili il Centro di Ricerca di Newcastle, una delle città più riconosciute nella riqualificazione degli spazi e infrastrutture urbani nell’ottica di una società sempre più attempata, ha un grande punto di differenza: conta su una comunità di 8.000 individui over 55 che collabora con il centro nel pensiero, disegno e sviluppo di prodotti e servizi per anziani e per i loro stakeholders, ma anche preziosi nel monitoraggio delle reazioni e preoccupazioni delle persone più esposte agli effetti di questa pandemia, per le quali, oltretutto, l’isolamento stringe ulteriormente le maglie di una solitudine che era già intensa.

“In Inghilterra c’è una grande cultura anche degli investimenti di ricerca in questa materia. Pochi sanno che l’Inghilterra è forse l’unico paese al mondo con un budget definito, dove, su 4 filoni strategici, uno è dedicato espressamente all’invecchiamento della popolazione (ndr. Vedi nostro articolo “La differenza tra cavalcare l’onda e aspettare che ci sommerga”), insieme con le auto a guida autonoma, il climate change e l’intelligenza artificiale. Attraverso alcune affermazioni del governo che poi sono state fortunatamente ritirate abbiamo sfiorato l’idea di sacrificare una generazione al futuro dell’Inghilterra, per fortuna adesso non se ne parla più. Il politico non necessariamente rappresenta la sensibilità della popolazione. Ma c’è un’altra ragione per la quale il tema degli anziani è così sentito in Inghilterra: il gap tra il sud dell’Inghilterra, rappresentato dal “magnete’ Londra, e il resto del paese dal punto di vista della disuguaglianza economica che tocca in maniera significativa la popolazione over 65 nelle aree rurali.

Da dove nasce l’esperienza di NewCastle?

Si è costruita intorno alla città la sensibilità a un tema considerato cruciale. Sia in termini accademici, quindi di ricerca, sia nella traduzione della ricerca in pratica che viaggia su due assi. Uno è rappresentato dal centro che dirigo, che è nato poco più di quattro anni fa e che ha come scopo trasformare la promessa di una economia della longevità in servizi, prodotti e modelli di business innovativi, tangibili e pratici, in modo che sia le imprese, sia le organizzazioni pubbliche possano capire dove risieda l’opportunità economica, e la sua ricaduta positiva sul territorio. Così che l’ineguaglianza sociale ed economica, fattori cruciali per immaginare uno sviluppo sostenibile, siano compensate da una vera economia di settore, invece di pensare a investimenti a pioggia in grado di tappare una falla, ma non di permettere di costruire in modo scalabile.

A questo proposito lavoriamo su due dimensioni: una è quella usuale del ROI, return on investment, mentre l’altra, che ci interessa sicuramente di più, è una metrica che potremmo definire di ROS, return on society.

Il lavoro del centro è far incontrare innovatori, imprese, organizzazioni e persone – i loro bisogni ma soprattutto i loro desideri – e far emergere le opportunità inespresse e farle validare dalla nostra comunità di quasi 8.000 membri.

Co-design e ascolto sono le attività tipiche di quel paradigma strategico che abbiamo definito “ageing intelligence” e che abbiamo registrato come marchio proprio per costruirvi attorno un approccio operativo e da condividere con altri Centri. Noi cerchiamo di sintetizzare l’intelligenza che serve per trovare soluzioni alle necessità di una popolazione in continuo invecchiamento. Da una parte raccogliamo l’intelligenza che già esiste da qualche parte nel mondo, soluzioni che sono già state pensate e realizzate in diversi contesti e parti del mondo – e dall’altra raccogliamo e stimoliamo l’intelligenza che deriva dall’esclusivo connubio di esperienza ed età che è proprio della nostra community.

Quando mi dicono che i 75 di oggi sono i 65 di ieri, io dico no. La biologia e la ricerca e la farmacologia ci hanno aiutato ad estendere la nostra aspettativa di vita e a invecchiare meglio, ma quei 10 anni di differenza sono un valore aggiunto, si tratta di una combinazione unica di tempo ed esperienza che si può letteralmente estrarre e riutilizzare e mettere a fattor comune, anziché sprecare o denigrare come spesso facciamo.

Queste persone che in modo così repentino bolliamo come fragili da parcheggiare a casa, in realtà sono forti della loro stessa vita e storia, ma bisogna ricordarlo, in primis, a noi stessi. Solo così potremmo cercare di cambiare una narrazione fortemente discriminante che pervade stampa, opinione pubblica e politici. Tutta la comunità degli over 55/60 è un perno della società anche e soprattutto in frangenti come questo, dove sembra invece rappresentare uno scarto, un peso, il “pericolo”. Le idee che possono aiutarci a provare a risolvere questo terribile momento che stiamo vivendo non devono necessariamente venire dall’MIT tanto per citare un classico: magari sono nascoste in una casa della campagna inglese, frutto di una specie di meta-intelligenza che è il vero valore che la vecchiaia può offrire alla società, la difficoltà sta nell’estrarlo e nel definirlo.

Il linguaggio è un problema nel quale mi imbatto costantemente. Anche lei pensa che vada ripensato?

Quando circa un mese fa sono uscite in Italia le prime spigolature su come vengono trattati i vecchi nel nostro paese, e mi piace usare la parola vecchi perché non amo gli eufemismi, sono venuti fuori il “nonnino” del personaggio di Lino Banfi e persino il “cari anziani” di De Bortoli che ha dovuto metterci l’aggettivo “cari” per poterne pronunciare il nome, anche se stava parlando della loro forza in un, comunque, bellissimo articolo.

Con il contenuto dici una cosa, con la grammatica ne dici un’altra. Se cominciamo a togliere vezzeggiativi e diminutivi, parliamo dei nostri anziani, dei nostri vecchi e dei nostri nonni.

Non c’è niente di male nell’essere vecchi. Se ci pensi è paradossale come tutti siamo attratti dall’idea di vivere a lungo, ma nessuno lo sia da quella dell’invecchiare. Ciò nasconde di certo lo spettro della morte, ma anche una società perennemente centrata sul mito della giovinezza.

Il problema si presenta quando l’età diventa una discriminazione, codificata come “ageism” in inglese e il fatto che non esista una traduzione propria in Italiano ce la dice lunga: se non c’è ancora nemmeno una parola per dire la discriminazione nei confronti dell’età, allora non ci deve sorprendere tutto questo funambolismo semantico intorno all’invecchiamento.

Qualche anno fa Severgnini lo tradusse facilmente con anzianismo, ma l’ageismo è un costrutto più sofisticato, è una discriminazione sulla base dell’età anagrafica e quindi riguarda sia gli anziani che i giovani.

Forse quando le pensioni saranno a 70 anni si smetterà di includere i 60enni che non si sentono vecchi nella categoria degli anziani. Forse bisognerebbe far partire la vecchiaia dai 75.

E’ molto probabile ma le statistiche dicono che nemmeno i 75enni si sentono vecchi (almeno non per il 70% stando a un recente sondaggio). E’ cambiata la barra dei 65 che continuiamo a tenere per una questione di economia politica, ancora legati al tema della pensione sul quale abbiamo costruito il concetto di vecchiaia.

Questo è il grande salto culturale che ci troviamo davanti, svincolare la vecchiaia dalla pensione.

E’ ovvio che vi sono professioni usuranti per i quali è fondamentale il traguardo di una pausa dal lavoro, ma per tanti altri bisognerebbe che si cominciassero a riconsiderare le fasi delle vita adulta e il lavoro. Il lavoro è fonte di dignità per la persona e la nostra Costituzione lo dice chiaramente,

perché disegna in modo compiuto e organico il senso del nostro contributo di individui allo sviluppo della società.

E’ tempo che si cambi la narrazione della vecchiaia e con essa cosa significhi essere vecchi in questa fase della nostra storia.

Questa categoria di persone che è stata più brutalmente attaccata dalla pandemia è anche quella che può risollevare le sorti del paese?

Assolutamente, ma sembra una narrazione difficile da comprendere per la politica.

Guarda il caso di Greta. Lei non ha mai detto che i vecchi hanno portato il mondo sull’orlo del baratro e si meritano di morire, ma è passata una parte di questa narrazione. Mentre sono i vecchi che hanno più interesse a risolvere i problemi del pianeta perché i loro figli e nipoti ci possano vivere. La narrazione è spesso frutto di una sintesi brutale.

Anche dopo questo virus dobbiamo mirare alla collaborazione tra generazioni diverse.

C’è quindi ampio spazio per capire come la Longevity Economy possa avere ricadute positive non solo sul ROI delle aziende ma anche sul ROS del paese.

Qui a Newcastle c’è una banca che ha adottato la strategia opposta a quella dei grandi brand del settore. Sono una specie di cassa rurale e ogni volta che un grosso brand chiude una sede in qualche zona tra le meno centrali, loro aprono lì. La loro sede non è la sede classica della banca, ma uno sportello dentro le biblioteche e all’interno degli spazi sociali, adottando una strategia di prossimità. Lo fanno come forma di business, ma al contempo aiutano la comunità che ha una grande liquidità di cui non sa che fare. Tutto il personale ha fatto un corso per imparare ad avere a che fare con una clientela con decadimenti cognitivi. Poi hanno capito che estendere le loro conoscenze a tutto l’ambito commerciale intorno a loro avrebbero potuto creare un vantaggio per la comunità e hanno regalato i corsi per formare impiegati e commessi di tutti i negozi intorno a loro. Quindi dove ci sono loro, il circondario sa come interagire con una persona con, ad esempio, una leggera demenza. 

A dispetto di quello che può farci pensare una certa cultura cattolica del rifiuto della ricchezza, ritorno sociale e ritorno economico possono, devono andare insieme, ed elevare il ritorno sulla società in termini di ampiezza di impatto e velocità di esecuzione. È ora di dimostrarlo, è ora di metterlo in pratica. Ce lo chiede la società in cui viviamo, ce lo chiediamo, in fondo, noi stessi.

Emanuela Notari
Emanuela Notarihttp://www.activelongevity.eu
RESPONSABILE EDITORIALE E RELAZIONI INTERNAZIONALI Dopo 20 anni di esperienza in pubblicità e comunicazione terminati in posizioni apicali in un’importante agenzia multinazionale statunitense e una successiva parentesi imprenditoriale nell’ospitalità turistica, Emanuela ha ripreso l’antica passione per la scrittura, già espressa più di 30 anni fa in un’attività di pubblicista free lance. Divide ora il suo tempo tra la nascente attività di A.L.I., per la quale cura in particolare le casistiche internazionali di longevity economy e altre collaborazioni editoriali.

Manifesto dei Longennials

Manifesto dei Longennials
Dopo il Corona virus, la ripresa del paese passa dai Longennials, la generazione over 60 che affronta una longevità inedita

Rassegna stampa

Ultimi articoli

Le residenze senior del futuro esistono già

La longevità inedita che caratterizzerà questo secolo, impone una riflessione su come facilitare la permanenza dei...

Vecchiaia a perdere

L’emergenza Covid 19 ha sicuramente fatto emergere una serie di fattori culturali che fino ad oggi...

Più letti

Ti potrebbe interessare ancheRELATED
Articoli simili